Prun è un piccolo paese ancora sconosciuto ai più ma la sua pietra: la “Pietra di Prun” è rinomata e la sua estrazione, avvenuta in galleria, ha restituito un “unicum”: “Le Preare” da vedere e valorizzare. È per questo che è nato IL TOUR DEL PALATO quest’anno alla 16° edizione, per  promuovere il nostro territorio, ricordare la nostra storia, conservare un patrimonio umano che ci è stato tramandato valorizzando il lavoro dei cavatori e degli scalpellini locali.

 Il “Tour del Palato” è una passeggiata enogastronomica che rivaluta il buonsenso della tradizione riappropriandosi della qualità dei cibi, privilegiando i sapori ed i profumi della nostra terra e dà il suo benvenuto all’evento nel Campo sportivo “L. Modena”

 

Scendendo per via Sattarine avremo l’occasione di immergerci in un “paesaggio di pietra”: le case, le recinzioni delle corti, il lavatoio e all’imbocco della piazza Garibaldi lo sguardo cadrà sulla Villa Salvaterra.

Non esiste per villa Salvaterra una storiografia definitiva. Quel che  colpisce è il largo uso della pietra locale in ogni singolo elemento: tetto , rivestimento, pavimentazioni, contorni, loggiato. Un breve viale di cipressi centenari conduce all’edificio padronale, classico esempio di architettura della Valpolicella a portico e loggiato, è l’unica villa sorta nella valle di Negrar a questa altitudine.

In via Cantarane presso la “Bottega della Sminca” inizierà la degustazione del menù,  composto da piatti semplici preparati al momento con alimenti del posto, abbinati ad alcuni dei migliori vini della Valpolicella. Qui ci verrà servito:  “Pan con l’uva”, caffè speziato e infuso alle erbe del monte Noroni è stata preparata dallo Chef Patron Angelo Zantedeschi

 

 
 

 

 

Avremo molto da gustare e da apprezzare durante il nostro percorso, il paesaggio ci riserverà sorprese con cambi repentini di panorama: passeremo dal centro storico del paese ai sentieri come il “BUSO DE COEGNO” antica strada comunale ben visibile sulle CARTE AUSTRIACHE come strada del Covegno, ripulito dai volontari dell’associazione La Malga

 

 
 


 

Saliremo ad osservare il paese dall’alto con le sue peculiari caratteristiche: le case con tetti in coppi e pietra caratteristica che da qui in poi , verso la Lessinia, sarà sempre più frequente trovare.

Incontreremo luoghi antichi come la Croce di Damél con una incisione: 1267

 

 
 

 

 

 

 
 

 

 

Attraverseremo la PINETA  e i boschi sopra all’area delle cave ed arriveremo a visitare Le cave di questa area; le più antiche e numerose e le meno note perché, fino ad oggi, nascoste da una fitta vegetazione. Passeremo nel crocevia di tre comuni: Negrar, Marano e S. Anna, cammineremo tra coltivazioni di ciliegi e di viti

La visita sarà arricchita dalla presenza dei nostri più esperti scalpellini locali che offriranno la possibilità di assistere alla dimostrazione delle antiche lavorazioni dello scalpellino

 

e della geologa Grazia Signori che ci dimostrerà come la pietra di Prunsia unica per l'archivio di storie che racconta grazie ai fossili, ammoniti soprattutto, che si sono straordinariamente conservati e che sono, agli occhi dei paleontologi, orologi precisissimi per misurare il tempo della Terra.

 

Durante il nostro percorso non ci faremo mancare il piacere della degustazione dei migliori piatti tipici della zona, cucinati al momento con prodotti del luogo.

Lo chef Angelo ci preparerà “La trippa” della “Bottega della Sminca”   con vino Valpolicella  fruttato “Orì” dell’Azienda agricola “Scriani” di Fumane così come tutti i vini Valpolicella che degusteremo in questa giornata.

Nella zona dei “Montesei”Il Menù prevederà: Gli gnocchi di malga con vino Valpolicella classico

tipico piatto della Lessinia, fatti con acqua, farina, a volte con ricette diverse a seconda della zona e conditi con burro e tanto formaggio grana o monte veronese misto.

 

 
 


Degusteremo il Sorbetto all’Amarone

 

Avremo modo di apprezzare:  Salsiccia e coppa ai ferri con polenta e verdura fresca di stagione con vino Valpolicella classico superiore

Non mancherà un Carosello di formaggi della Lessinia serviti con confettura di pere, miele millefiori , con vino Valpolicella Ripasso                                                         

Presso la Malga del paese, costruita prima del 1800 dalle famiglie locali e usata per la produzione del formaggio, concluderemo il nostro tour del palato con i Dolcetti delle Preare (frolla alle prugne)  con vino Valpolicella Amarone o Recioto.

Ci saluteremo presso l’“Hostaria la Bottega”con un ottimo Caffè espresso dell’oste Nicola Ronconi.

La giornata sarà allietata da momenti musicali e canti popolari.

Nella “via delle botteghe” (via Cantarane) a conclusione del nostro evento si potrà apprezzare un piccolo mercatino di prodotti locali ed assistere ad una dimostrazione della macinazione del mais

con un mulino artigianale realizzato dall’artigiano Luigino Fasoli.

 

 

 


Informativa sulla privacy